Bambino autistico migliora con l’antibiotico amoxicillina

John Rodakis, un biologo molecolare, ha chiesto che si facciano ulteriori ricerche sul collegamento tra il cervello e i batteri dell’intestino, dopo che il suo bambino autistico è migliorato significativamente con l’assunzione dell’antibiotico amoxicillina.

Il figlio di Rodakis aveva assunto l’amoxicillina per curare il suo mal di gola, ma il farmaco aveva migliorato la condizione autistica del ragazzo. I suoi genitori non avevano mai visto tali miglioramenti nel loro figlio e hanno pensato che ci fosse qualcosa all’antibiotico in grado di aiutare gli autistici.

Il caso è stato descritto su ‘Microbial Ecology in Health and Disease’, rivista in cui si dice che delle ricerche erano già state fatte sull’associazione tra l’autismo e i batteri intestinali.

Rodakis, per ora, non consiglia l’utilizzo degli antibiotici per trattare l’autismo, pensa solo che i batteri intestinali giochino un ruolo i mportante nell’autismo e che sia importante approfondire questi studi.

Esiste un modo (oltre alle buone regole del mangiar sano) per frenare l’invecchiamento e allungare
I comuni probiotici venduti sotto forma di integratori e yogurt possono diminuire l'ansia e i
I batteri intestinali possono predire il rischio di sviluppare l'artrite reumatoide secondo un nuovo studio
L'attività fisica nell'infanzia ha effetti benefici sul corpo. In particolare, esercita un influsso positivo sul