Facebook ha rimosso l’emoticon “mi sento grasso”

Facebook ha rimosso l’emoticon “mi sento grasso” dopo aver scatenato l’ira di un’associazione che lotta contro tutto ciò che può rafforzare nella gente un’immagine negativa del proprio corpo.

Il social network così ha deciso di rimuovere questa emoticon che era possibile associare con la pubblicazione di un proprio stato.

L’associazione Endangered Bodies (Corpi in pericolo), guidata dall’attivista Catherine Weingarten, ha portato alla costituzione di una petizione che ha ricevuto più di 16 000 firme e ha spinto Facebook a prendere la sua decisione.

Lo stato “mi sento grasso” era accompagnato da uno smiley con doppio mento.

L’emoticon “avrebbe potuto rafforzare l’immagine negativa del corpo, soprattutto nelle persone affette da disturbi alimentari”, ha detto un portavoce dell’Associazione.

Un albero ogni 50 post sui social con #unalberoè da destinare alle aree bisognose di
In occasione della Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi Indifesa, Terre des Hommes lancia i risultati dell’indagine effettuata
Si parla di numeri che si moltiplicano si è partiti da 20 imprenditori e in
L'uso dei social network, come Facebook, Instagram e Twitter, rende i giovani più ansiosi e