Roma: chiuso l’Istituto di medicina legale dell’Università La Sapienza

Chiuso l’Istituto di medicina legale dell’Università La Sapienza di Roma, su decisione del Rettore Eugenio Gaudio, per ragioni igieniche e sanitarie.

La struttura ha un’attrezzatura oboleta e manca degli spazi sufficienti. I tavoli su cui si fanno le autopsie, quando va bene, sono vecchi di dieci anni. Alcuni risalgono addirittura all’inizio degli anni Ottanta. Dei cadaveri sono nei corridoi per mancanza di posti in cui metterli. Resti di salme non reclamate sono lì, addirittura, dagli anni Novanta, mentre anche gli strumenti utilizzati per le autopsie hanno conosciuto tempi migliori.

Così, dopo l’ispezione dei Nas, i carabinieri del nucleo antisofisticazione e sanità, in attesa della relazione e nella consapevolezza delle carenze esistenti, la struttura di piazzale Clodio, a Roma, è stata chiusa. Si procederà ai lavori di adeguamento.

L’obiettivo dell’OMS dell’eliminazione dell’Epatite C entro il 2030 è possibile per l’Italia grazie alle nuove
“U=U, Undetectable=Untransmittable, ossia Non rilevabile=Non trasmissibile. Si tratta di un’evidenza rivoluzionaria, poiché permette alle coppie
Domenica 10 novembre dalle 09:00 alle 13:00 si presenta un’occasione imperdibile per salvaguardare la salute
Roma – Proseguono i lavori per la Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia, riunita fino