Mal di schiena: c’è poca prevenzione

Il mal di schiena interessa circa il 10% della popolazione mondiale a un certo punto della vita, rendendo pesante l’entità della disabilità a livello mondiale.

Tuttavia, nonostante l’alto impatto e l’alta incidenza, pochissimi progressi sono stati compiuti nella prevenzione di questa malattia, secondo gli autori di uno studio pubblicato sulla rivista ‘Arthritis Care & Research’.

In questo nuovo studio sono state prese in esame 999 persone dai 18 anni in su, considerando i fattori fisici e psicologici che possono condurre ad avere mal di schiena.

E’ emerso che i fattori i quali hanno un maggiore impatto su questa complicazione sono l’essere stati in una strana posizione, l’aver spostato delle cose pesanti, l’essere caduti o scivolati e l’aver viaggiato intensamente.

Nello studio, solo alcuni avevano segnalato di aver avuto mal di schiena 2 o 24 ore dopo aver fatto sesso.

Anche la stanchezza e lo fatica causata da un’attività manuale aveva avuto il suo peso.

Un uomo di 33 anni, in Irlanda, ha lasciato i medici perplessi, dicendo loro che
Sono 6 gli italiani su 10 a soffrire di mal di schiena almeno una volta a
UN PRIMATO PER L'ITALIA - L'Italia è tra le pochissime nazioni ad essersi dotata di
Uno studio ha scoperto che gli individui, che hanno mal di schiena, hanno anche una