I musicisti sono più intelligenti

Uno studio canadese pubblicato su ‘The Journal of Neuroscience’ ha dimostrato che l’apprendimento della musica favorisce lo sviluppo delle capacità cognitive. Il musicista è più in grado di apprendere cose nuove e di ragionare in modo efficace.

Per giungere a questi risultati, gli scienziati hanno fatto uno studio su 20 persone anziane che avevano tra i 55 e i 75 anni. La metà di loro era musicista e l’altra, no.

E’ stata valutata la risposta neurologica dei partecipanti in condizioni di apprendimento ed è risultato che l’attività cerebrale dei musicisti era tre volte più efficiente di quella degli altri.

foto Mirko Sgalla Al Teatro delle Muse di Ancona venerdì scorso,
Obesità. Disabilità fisica. Chi vive queste condizioni, in un mondo votato alla bellezza e alla
Da mercoledì 18 a domenica 22 settembre la poesia è protagonista nei borghi antichi di