Influenza, aumenta il numero di casi, picco nei prossimi giorni

Il numero di persone affette da influenza o di un’infezione simil-influenzale, nell’ultima settimana di gennaio, è arrivato a 11.739 malati (il 10,55 per mille). Le regioni più colpite sono state le Marche, l’Emilia Romagna e la provincia di Trento.

Dall’inizio della stagione influenzale 2014-2015 sono morte 40 persone e ci sono stati 239 casi gravi, secondo i dati del bollettino Flunews dell’Istituto superiore di sanità.

Nella maggior parte dei casi gravi e mortali, a colpire sono stati i virus A/H1N1 (84%) e A/H3N2 (7,3%).

Il numero dei malati è aumentato costantemente nelle settimane e il picco stagionale non è stato ancora raggiunto, è atteso per questa settimana e per la prossima. Ad essere malati sono stati soprattutto i bambini e gli anziani.

Anche chi è vaccinato può ammalarsi, perché il vaccino non aiuta in alcuni casi.

Molte infezioni quest’anno sono causate dalla variazione del virus dell’influenza (H3N2), che non è coperto dal vaccino. Nel 75 per cento dei casi, la vaccinazione è così inefficace o aiuta solo in piccola misura. Tuttavia, il vaccino è efficace contro un quarto dei virus influenzali.

Le dimensioni e la struttura delle città influiscono sulla diffusione dell'influenza, secondo un nuovo studio
Gli scienziati hanno progettato un vaccino, che può essere gestito dai pazienti stessi, vista la
Seppure con un po' di ritardo rispetto agli altri anni, anche quest'anno sta arrivando il