Un farmaco utilizzato per l’Alzheimer è utile contro le abbuffate compulsive

Buone notizie per chi soffre di abbuffate compulsive, disturbo alimentare conosciuto anche come binge eating.

Uno studio condotto da due ricercatori italiani Pietro Cottone e Valentina Sabino della Boston University, in collaborazione con l’università di Cambridge, ha trovato che un farmaco attualmente usato per curare l’Alzheimer può bloccare le abbuffate compulsive.

Il farmaco, a base di memantina, agisce sul nucleo accumbens, parte del cervello associata alla dipendenza.

Il prodotto è stato sperimentato su dei topi indotti ad abbuffarsi in maniera compulsiva. Agli animali che è stata somministrata della memantina, è scomparsa la voglia di mangiare, associata alla dipendenza dal cibo.

Il binge eating è un disturbo che colpisce il 21% degli italiani ed è frequente tra le persone che hanno tra i 30 e i 40 anni.

Un nuovo interessante studio fatto dai ricercatori dell'Università di Stoccolma e del Karolinska Institutet ha
Il disordine di iperattività con deficit di attenzione (ADHD) favorisce la dipendenza dall'alcol e il