L’oro che uccide il cancro

L’oro potrebbe essere utilizzato per distruggere i tumori maligni, secondo uno studio dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito, pubblicato sulla rivista della Royal Society.

Tramite la nanoingegneria, con una lega d’oro unita al cisplatino, un farmaco usato in chemioterapia per il trattamento di diversi tipi di tumore, i ricercatori sono riusciti  a eliminare il cancro in vitro.

Con la nanostruttura, le cellule cancerose sono esposte alle radiazioni, l’oro rilascia degli elettroni che danneggiano il DNA, la cellula tumorale e la sua struttura complessiva, contribuiendo a migliorare l’impatto della chemioterapia.

Per i ricercatori, il sistema potrebbe essere usato per trattare il tumore cerebrale più comune e quello più aggressivo negli adulti.

"I Linfomi non Hodgkin di tipo aggressivo sono neoplasie che con la terapia corrente si
A Roma il convegno “Dieta giapponese e prevenzione oncologica”. Proprio la dieta giapponese, insieme a quella
Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha pubblicato il report Supporting Women With Cancer, presentando
Una nuova imbarcazione, per l’esattezza una Dragon Boat, da destinare sia a uso sportivo ma