Inutile rimpinzarsi di frutta e verdura

Cinque porzioni al giorno di frutta e verdura sono sufficienti per ridurre significativamente il rischio di mortalità, soprattutto per le malattie cardiovascolari, secondo uno studio della scuola di salute pubblica di Harvard che rivisto 16 studi, i quali hanno coinvolto in totale più di 830.000 persone.

Un precedente studio britannico aveva sostenuto che sono necessarie sette porzioni di frutta e verdura per raggiungere dei benefici, ma i ricercatori statunitensi hanno mostrato che al di là di cinque porzioni al giorno la frutta e verdura non ha alcun ulteriore effetto benefico.

Secondo i risultati dello studio americano, pubblicato sulla versione online della rivista medica British Medical Journal, la frutta e la verdura riducono il rischio di mortalità per qualsiasi causa del 5% e dek 4% per malattia cardiovascolare.

Oltre cinque porzioni, il rischio non scende più per motivi che i ricercatori non hanno identificato chiaramente.

A differenza di altri studi, i ricercatori americani non hanno trovato una associazione significativa tra l’aumento del consumo di frutta e verdura e un ridotto rischio di mortalità per cancro.

L’OMS raccomanda di consumare in media 400g di frutta e verdura al giorno, o 5 porzioni da 80 grammi. Una porzione corrisponde a un frutto di medie dimensioni, a una ciotola di verdure verdi crude o a una mezza ciotola di verdure cotte.

Uno studio preliminare presentato al meeting annuale dell'American Society for Nutrition a Baltimora ha trovato
Elevati livelli di trimetilammina N-ossido (TMAO), un composto legato al consumo di pesce, frutti di
Le bucce della frutta e della verdura possono rimuovere dall'acqua le sostanze inquinanti, come i
Mangiare frutta, verdura, oltre a cereali integrali e legumi può aiutare a ridurre il rischio