Espulso il capo del servizio segreto degli Stati Uniti in Germania

Il governo tedesco ha annunciato giovedì l’espulsione del capo del servizio segreto degli Stati Uniti in Germania, perché avrebbe spiato i funzionari tedeschi a favore di Washington.

“E’ stato chiesto al rappresentante del servizio segreto degli Stati Uniti presso l’ambasciata Usa di lasciare la Germania”, ha detto il portavoce del governo tedesco, Steffen Seibert, in una dichiarazione.

Per la seconda volta, in cinque giorni, mercoledì, la giustizia tedesca aveva aperto un’inchiesta su una presunta spia, sospettata di lavorare per Washington.

L’ambasciata degli Stati Uniti a Berlino, tuttavia, in un comunicato, ha fatto sapere, giovedì, che è ‘essenziale’ continuare la “stretta collaborazione” con il governo tedesco, senza commentare l’accaduto.

Come se fossero i pedoni, parecchi pesci hanno attraversato una strada che si trova a
Da' sempre migliori speranze, nella lotta contro il cancro, l'immunoterapia sperimentale, che ingegnerizza dei globuli
Messo a punto un nuovo farmaco che è in grado di rallentare del 34% lo
La capitale degli Stati Uniti si è espressa per la legalizzazione della cannabis, martedì, votando