Papa Francesco: la pedofilia è un crimine e un peccato grave

Papa Francesco ha chiesto scusa alle vittime degli abusi sessuali da parte del clero, definendo gli atti dei crimini che costituiscono “un peccato grave”.

“Davanti a Dio e al suo popolo sono profondamente addolorato per i peccati e i gravi crimini di abuso sessuale commessi da membri del clero nei vostri confronti e umilmente chiedo perdono”, ha detto il pontefice quando ha celebrato la messa, lunedì, a cui hanno partecipato anche sei vittime della pedofilia, 3 uomini e 3 donne, provenienti da Germania, Irlanda e Regno Unito.

Il Papa si è anche scusato per il fallimento dei leader della chiesa che non hanno risposto adeguatamente alle accuse delle vittime, sottolineato che nella chiesa deve esserci tolleranza zero nei confronti dei pedofili.

Non c’è posto nel ministero della Chiesa per coloro che commettono abusi sessuali. Mi impegno a non tollerare il danno fatto a un minore da parte di chiunque, ha aggiunto il Papa nella sua omelia.

Bergoglio ha anche detto che i vescovi dovrebbero essere responsabili della protezione dei bambini e che gli atti di pedofilia dei sacerdoti sono “qualcosa di più di atti deprecabili”, sono “un culto sacrilego”.

In occasione della canonizzazione di madre Teresa, papa Francesco ha invitato 1500 poveri a pranzo.
Madre Teresa di Calcutta sarà canonizzata e diventerà una santa della Chiesa cattolica durante una
Papa Francesco ha detto domenica di seguire "con profonda attenzione" i lavori della Conferenza COP21
Papa Francesco lunedì ha lasciato Bangui per Roma, alla fine di un tour in Africa