Globuli rossi modificati proteggono dalle armi biologiche

Una recente ricerca militare ha trovato che delle trasfusioni di sangue contenenti cellule geneticamente modificate potrebbero proteggere i soldati in combattimento dalle armi biologiche.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Proccedings, ha scoperto che i globuli rossi geneticamente modificati potrebbero essere usati per trasportare le antitossine ai tessuti del corpo.

I globuli rossi sono le cellule più numerose dell’organismo, sono flessibili e possono passare attraverso i capillari, secondo i ricercatori.

Le cellule modificate non possono replicarsi e creare formazioni cancerose e vengono eliminate naturalmente dal corpo dopo circa quattro mesi, dopo aver protetto un soggetto.

Harvey Lodish, dell’Istituto Whitehead, uno degli autori dello studio, ha detto che l’obiettivo è quello di creare globuli rossi che possono fare di più del semplice trasportare dell’ossigeno.

La tecnologia, oltre che nel settore militare, potrebbe essere utilizzata per fini diagnostici e terapeutici ha concluso Lodish.

Troppo stress fa male. Un nuovo studio ha scoperto che quando lo stress interrompe il ritmo
Ogni anno nel mondo il diabete colpisce 425 milioni di persone (e causa 4 milioni
L'anemia e i bassi livelli di globuli rossi possono aumentare il rischio di demenza, secondo