Dopo Heartbleed, Facebook, Google e Microsoft finanziano un progetto

Dopo la scoperta di Heartbleed, il bug del progetto OpenSSL la Linux Foundation è riuscita a riunire intorno al nucleo Initiative Infrastructure una dozzina di giganti della tecnologia, tra cui Amazon Web Services, Cisco, Dell, Facebook, Fujitsu, Google, IBM, Intel, Microsoft, NetApp, RackSpace et Vmware.

L’obiettivo è di sostenere i progetti open source, ritenuti critici per la “infrastruttura globale dell’informazione”.

Se i progetti non saranno direttamente legati alla sicurezza, OpenSSL sarà il primo progetto che sarà affrontato con l’iniziativa.

I soci fondatori si sono impegnati a versare almeno 100 000 dollari all’anno per i prossimi tre anni. Chiunque, comunque, può fare una donazione direttamente.

I membri di un comitato direttivo, gli sviluppatori e gli operatori di settore decideranno intorno a quali progetti lavorare.

La Commissione europea martedì insieme a Microsoft, Google, YouTube e Facebook ha presentato un codice
Con l'approssimarsi della scadenza dell'aggiornamento gratuito a Windows 10, molti utenti si sono lamentati perché
Ci sarebbe un errore di programmazione nelle ultime versioni di OpenSSL che metterebbero a rischio