UA-72767483-1

Donne inglesi pagate per allattare

Filed under Lifestyle, Salute

allattamento Se il latte materno è molto apprezzato in Germania o in Norvegia, le donne inglesi sono riluttanti ad allattare i loro bambini al seno.

Per invogliarle a farlo un progetto fatto dall’Università di Sheffield, in collaborazione con il Governo, metterà in atto un esperimento, ossia di pagare le mamme che allatteranno al seno i loro neonati.

Un voucher che può andare fino a 200 sterline britanniche viene offerto a 130 madri nella regione del Derbyshire e del South Yorkshire alle madri che decideranno di allattare al seno i loro bambini.

Le donne riceveranno, per sei settimane di allattamento, 120 sterline e ne avranno 80 in più, se continueranno ad allattare per sei mesi.

Le madri devono firmare un documento attestante che allatteranno al seno i loro bambini per poter ricevere i buoni spesa.

Ma, i ricercatori dell’università, promotori del progetto pilota, ammettono che è impossibile esseri sicuri al 100% che la madre rispetterà i termini dell’accordo.

Inoltre, consegnando i voucher per comprare del cibo nei supermercati, non è detto che essi non siano utilizzati anche per pagare alcool o sigarette…

Comunque, si tratta di un esperimento. Se darà buoni risultati, però, il programma potrà essere esteso a livello nazionale, nei prossimi due anni.

Nel Regno Unito, il tasso di allattamento al seno è vicino al 65%, indipendentemente dalla sua durata. Questo tasso può sembrare alto, ma è ancora uno dei tassi più bassi in Europa, dato che solo il 34% delle madri britanniche allatta il neonato nei primi sei mesi di vita, ossia per la durata raccomandata dall’organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

L’allattamento al seno riduce nel neonato le allergie e le infezioni gastrointestinali, respiratorie e otorinolaringoiatriche.

L’allattamento è benefico anche per le madri, perché limita il rischio di infezioni e di emorragia post-partum.

Per alcuni medici l’allattamento al seno proteggerebbe anche dal cancro alla mammella.

You must be logged in to post a comment Login