Varsavia, Conferenza sul clima: sciopero della fame dei delegati filippini

Filed under Cultura e Società

morti.tifone.filippineIl delegato filippino, Alicia Ilaga, alla conferenza delle Nazioni Unite sul clima, che si è aperta lunedì a Varsavia, ha cominciato a digiunare in segno di protesta contro l’inerzia dei vari paesi nei confronti del riscaldamento globale, responsabile, a suo dire, del supertifone che ha devastato l’arcipelago che rappresenta.

Yeb Sano, capo della delegazione filippina, ha annunciato, in lacrime, a sua volta, lo sciopero della fame, assicurando che non lo interromperà fino a quando non verranno prese delle misure concrete.

“Non potevamo immaginare, un anno fa, che un altro disastro di tali proporzioni avrebbe colpito il nostro paese”, ha detto, aggiungendo: “Parlo a nome di coloro che non potranno parlare mai più, a nome di coloro che in questi giorni sono diventati orfani: supplico tutti coloro che ancora negano che il cambiamento climatico sia in atto, ad affrontare la realtà: la crisi climatica è follia, ma possiamo fermarla qui a Varsavia”.

“Varsavia, più di quanto sia successo in passato, è una tappa sul cammino verso risultati a lungo termine, non credo che nessuno si aspetti alcuna svolta”, ha ammesso tuttavia Nathaniel Keohane, vice presidente dell’Enviromental Defence Fund.

I rappresentanti di più di 190 paesi si sono riuniti questa settimana e lavoreranno fino al 22 novembre, nella capitale polacca, per dare un nuovo impulso alla lotta contro il cambiamento climatico e per porre le basi per un accordo che dovrebbe essere sottoscritto nel 2015, a Parigi, su una riduzione legalmente vincolante dei gas serra.

“Ci riuniamo oggi con sulle nostre spalle il peso di tante realtà che fanno riflettere”, come “l’impatto devastante del tifone Haiyan”, ha detto la responsabile dell’ONU per il clima, Christiana Figueres.

Uno degli obiettivi della conferenza sarà la definizione delle compensazioni, da parte dei paesi industrializzati, dei danni provocati ai paesi in via di sviluppo.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login