UA-72767483-1

Gli animali sono consapevoli del passare del tempo

Filed under In evidenza, News, Scienza

Gli animali sono consapevoli del passare del tempo. Lo hanno trovato dei ricercatori della Northwestern University, che hanno fatto degli esperimenti con un topo.

L’animale è stato inserito in una ruota da corsa fisica in un ambiente di realtà virtuale. Durante questo test il topo doveva attraversare un lungo corridoio fino a una porta, poi doveva aspettare sei secondi prima che la porta si aprisse e l’animale potesse continuare la sua strada e ricevere una ricompensa alla fine del corridoio.

Dopo una serie di esercizi di allenamento, la porta è stata resa invisibile nell’ambiente della realtà virtuale. Nel nuovo scenario, tuttavia, il topo sapeva ancora dove si trovasse la porta diventata invisibile e aspettava ancora sei secondi prima di continuare e andare avanti per raccogliere la sua ricompensa.

Secondo il ricercatore James Heys, con una porta invisibile, l’unico modo in cui il topo poteva risolvere il problema in modo efficiente era quello di usare il suo senso del tempo interno.

Nell’esperimento, illustrato su Nature Neuroscience, i ricercatori hanno anche esaminato l’attività cerebrale del topo analizzando la corteccia entorinale nel suo cervello. Questa è un’area nel lobo temporale che ha a che fare con la memoria e la navigazione. Utilizzando la microscopia a due fotoni (un metodo per visualizzare il tessuto degli animali relativamente profondo e in dettaglio), i ricercatori hanno osservato i neuroni del topo.

Hanno scoperto una serie di neuroni precedentemente sconosciuta che sembra sia legata alla percezione del tempo.

Mentre l’animale attraversava il corridoio, alcune delle cellule si erano attivate, ha affermato l’autore principale dello studio, Daniel Dombeck. Quindi, quando il topo si era fermato sulla porta, quelle stesse cellule si erano disabilitate e si era attivato un nuovo gruppo di cellule.

Queste ultime cellule sembra si attivino solo quando l’animale è fermo, tenendo traccia di quanto tempo l’animale stia aspettando.
Quindi queste cellule del tempo funzionano effettivamente come una sorta di orologio interno.

You must be logged in to post a comment Login