UA-72767483-1

Un quarto degli adulti del mondo fa troppo poco esercizio fisico

Filed under Cultura e Società, In evidenza, Lifestyle, News, Salute

Un quarto degli adulti del mondo fa troppo poco esercizio fisico, mettendo a rischio la sua salute cardiovascolare e agevolando la comparsa del diabete di tipo 2, della demenza e di alcuni tipi di tumore.

Questo è emerso da uno studio globale condotto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), pubblicato sulla rivista The Lancet Global Health questa settimana, che ha esaminato i tassi di esercizio fisico, fatti nel 2016, e confrontandoli con quelli del 2001.

Dallo studio è anche emerso che non c’è stato alcun miglioramento negli ultimi 15 anni.

In quattro paesi, più della metà degli adulti non ha fatto abbastanza esercizio nel 2016: Kuwait (67%), Samoa americane, Arabia Saudita (entrambe al 53%) e Iraq (52%). Il Kuwait e le Samoa hanno tra i più alti tassi di obesità nel mondo.

Al contrario, i mozambicani e gli ugandesi hanno fatto abbastanza esercizio fisico, con solo il 6% che ha svolto meno dell’esercizio fisico raccomandato di almeno 150 minuti di esercizio moderato o 75 minuti di attività fisica vigorosa, ogni settimana.

C’è anche una differenza tra uomini e donne. La ricerca ha rivelato che “nel 2016, circa una donna su tre (32%) e un uomo su quattro (23%) nel mondo non ha raggiunto i livelli raccomandati di attività fisica per mantenersi in salute“.

Le donne sono risultate meno attive degli uomini in tutte le regioni del mondo, a parte l’Asia orientale e sud-orientale.

A differenza di altri importanti rischi sanitari globali, i livelli di attività fisica insufficiente non stanno diminuendo, in media, in tutto il mondo e oltre un quarto di tutti gli adulti non raggiunge i livelli raccomandati di attività fisica per mantenersi in buona salute.

Lo studio, basato su livelli di attività auto-segnalati in 358 sondaggi fatti sulla popolazione di 168 paesi, che hanno coinvolto 1,9 milioni di partecipanti, è stato pubblicato prima della terza riunione ad alto livello delle Nazioni Unite sulle malattie non trasmissibili e i loro fattori di rischio, tra cui l’inattività fisica, che si terrà il 27 settembre 2018 a New York.

You must be logged in to post a comment Login