Per evitare il diabete di tipo 2, alzarsi dalla sedia ogni mezz’ora

Filed under Lifestyle

diabeteSe si desidera evitare il diabete di tipo 2, bisogna alzarsi in piedi e muoversi, ogni mezz’ora quando si sta seduti in ufficio o a casa, almeno per cinque minuti, secondo alcuni scienziati inglesi che hanno fatto un nuovo studio.

Questo sistema può anche proteggere dalle malattie cardiache e dal cancro.

I ricercatori dell’Università di Leicester hanno trovato che per ridurre il rischio di sviluppare il diabete, non basta fare una o due ore di attività fisica a settimana, ma bisogna limitare la durata dell’immobilità quotidiana, prima che siano passati 90 minuti.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Diabetologia, riferisce che alcuni i volontari partecipanti alla ricerca avevano diminuito il rischio di sviluppare il diabete limitando le ore in cui erano seduti, più che facendo i raccomandati 150 minuti di attività fisica a settimana.

Gli scienziati inglesi hanno condotto il loro studio su 153 pazienti di età compresa tra i 30 e i 69 anni.

Come hanno scritto, alcuni di loro stavano seduti solo 3 ore al giorno, ma la maggior parte sedeva più di 10 ore al giorno su una sedia e una minoranza persino fino a 16 ore.

Essi avevano livelli elevati di zucchero nel sangue e di lipidi (colesterolo, trigliceridi), anche se facevano ginnastica ad un certo punto nel corso della giornata.

Chi aveva trascorso poche ore seduto, aveva livelli più bassi di glucosio e di lipidi nel sangue.

Chi in media stava in piedi tre ore al giorno, bruciava più grassi senza dieta o esercizio fisico, perché, secondo gli esperti, in posizione eretta si utilizzano di più i muscoli di quando si sta seduti e immobili.

Inoltre, i muscoli che aiutano a stare in piedi, sembra che producano più enzimi in grado di scindere il glucosio e i lipidi.

Gli esperti raccomandano, perciò, di fare, non solo per 30 minuti al giorno, qualche attività fisica, ma anche, se si deve stare seduti, di alzarsi dalla sedia per cinque minuti, dopo ogni mezzora.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login