Per un peso forma preferire i cibi a basso indice glicemico

Filed under Lifestyle

dieta_mediterraneaGli spuntini ricchi di zuccheri possono causare dipendenza, perché attivano le stesse aree cerebrali delle droghe come la cocaina e l’eroina.

Lo ha trovato uno studio, condotto dagli scienziati della School of Public Health di Harvard, pubblicato sul “American Journal of Clinical Nutrition”.

I ricercatori, volevano sapere perché tante persone che desiderano essere in forma non ci riescono, così hanno reclutato 12 persone in sovrappeso o obese e hanno chiesto loro di consumare due tipi di frullati, che fornivano le stesse calorie e avevano lo stesso sapore e la medesima dolcezza.

Un frullato conteneva carboidrati a rapido assorbimento e aveva quindi un alto indice glicemico, mentre l’altro conteneva dei carboidrati a lento assorbimento, con un basso indice glicemico.

Quattro ore dopo aver bevuto la bevanda, i volontari sono stati sottoposti alla misurazione della fame e degli zuccheri nel sangue (glucosio) nel sangue. Con la risonanza magnetica funzionale è stata registrata la loro attività cerebrale durante il processo di digestione.

E’ emerso che, dopo aver bevuto i frullati con un alto indice glicemico, nei volontari sono saliti a picco i livelli di zucchero, scesi drasticamente poche ore più tardi, con il risultato, che, dopo quattro ore, questi volontari avevano appetito e un’intensa attivazione del nucleo accumbens, una struttura del cervello che svolge un ruolo chiave nei comportamenti di dipendenza attivi in coloro che usano delle droghe.

In base a questi risultati, gli esperti consigliano la restrizione dei carboidrati con un alto indice glicemico, come pane, patate e dolci. Questo può aiutare le persone obese a ridurre e a controllare il desiderio di cibo.

Sono ad alto indice glicemico il pane bianco, le patate, i dolci, lo zucchero bianco…

Sono, invece a basso indice glicemico, le verdure, i legumi, alcuni frutti, i cereali integrali, la carne, le uova, il pesce, la frutta a guscio.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login