UA-72767483-1

Svelato il segreto del prurito cronico

Filed under In evidenza, Lifestyle, News, Salute

Ad alcune persone, anche il minimo contatto tra la pelle e alcuni tessuti provoca un prurito terribile, soprattutto in età avanzata. Un nuovo studio fatto su dei topi ha identificato le cause del prurito al fine di poter trattare questi sintomi spiacevoli.

Il prurito è una sensazione fastidiosa in una parte del corpo che provoca la necessità di graffiarsi. In alcuni casi, il prurito diventa incurabile e persiste anche dopo i trattamenti.

Non ci sono farmaci contro il prurito persistente. I ricercatori della Washington University School of Medicine a Saint Louis, USA hanno scoperto nei topi perché un leggero sfregamento può causare il prurito.

Lo studio sui topi, pubblicato su Science, dice che il numero di alcuni tipi di recettori tattili sulla pelle, come le cellule di Merkel, si riduce con l’età animale, in particolare negli animali con pelle asciutta.

I topi con meno cellule di Merkel erano più inclini al prurito quando gli scienziati li toccavano con un filo di nylon e gli animali vecchi si graffiavano più di quelli giovani.

Quando il numero di cellule di Merkel si riduceva il graffiarsi aumentava negli animali, probabilmente perché le cellule di Merkel aiutano a controllare la risposta al prurito. Quando queste cellule sono carenti, evidentemente, la loro capacità di sopprimere il prurito diminuisce.

In un’altra prova, i ricercatori hanno usato dei topi alterati dall’ingegneria genetica, riattivando in loro le cellule di Merkel con un componente chimico. Quando gli animali erano esposti a questo componente, erano meno inclini a graffiarsi, dopo essere stati sfiorati da un filo di nylon.

“Speriamo che controllando l’attività delle cellule di Merkel,  allevieremo questo tipo di prurito”, ha spiegato Jing Feng, primo autore dello studio.

You must be logged in to post a comment Login