UA-72767483-1

L’esercizio fisico è meglio della perdita di peso per le malattie cardiache

Filed under In evidenza, Lifestyle, News, Salute

Essere in sovrappeso o obesi è un importante fattore di rischio per le malattie cardiache, ma non sempre la perdita di peso è il metodo più giusto per ridurre il rischio connesso alla patologia o per prolungare gli anni di vita.

Un nuovo studio apparso sul Journal of the American College of Cardiology dice che l’esercizio fisico, non la perdita di peso, è il modo migliore per chi soffre di cuore e per vivere più a lungo.

I ricercatori hanno scoperto che la perdita di peso non migliora i tassi di mortalità in un monitoraggio di 16 anni. I pazienti normopeso dello studio che erano dimagriti avevano più probabilità di morire, mentre i pazienti normopeso che erano un po’ ingrassati avevano meno probabilità di morte.

Tuttavia, l’esercizio fisico era associato a maggiori probabilità di sopravvivenza, con un rischio di morte ridotto del 19% per i pazienti che facevano almeno 150 minuti di esercizio moderato settimanale, rispetto ai pazienti inattivi.

I pazienti che facevano movimento per più di 150 minuti a settimana avevano, addirittura, ridotto il rischio di morire, durante il periodo di studio, del 36 percento.

Il mantenimento di un peso sano può ridurre le probabilità di sviluppare malattie cardiache, in primo luogo e, naturalmente, l’esercizio fisico dovrebbe essere un elemento chiave di qualsiasi programma di mantenimento del peso. In secondo luogo, se c’è già in atto una malattia cardiaca, l’esercizio fisico è la soluzione migliore per prolungare la vita, naturalmente con un allenamento adeguato alla propria condizione fisica.

You must be logged in to post a comment Login