UA-72767483-1

Gli spray per la pulizia danneggiano i polmoni come il fumo

Filed under Casa, In evidenza, Lifestyle, News, Salute
Le donne che lavorano come addette alle pulizie o usano regolarmente degli spray detergenti e altri prodotti per la pulizia della casa, sembra che abbiano un declino maggiore della funzione polmonare, nel tempo, rispetto alle donne che non puliscono.
Il declino della funzione polmonare femminile è accelerata nelle donne che lavorano come addette alle pulizie al fumare un po’ meno di 20 pacchetti-anno di sigarette.
A dirlo, una nuova ricerca pubblicata sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, fatta dai ricercatori dell’Università di Bergen, in Norvegia.
I ricercatori hanno analizzato i dati di 6.235 partecipanti a un sondaggio sulla salute delle vie respiratorie della Comunità europea. I volontari, la cui età media era di 34 anni, quando si sono iscritti, sono stati seguiti per più di 20 anni.
“Mentre gli effetti a breve termine della pulizia delle sostanze chimiche sull’asma stanno diventando sempre più ben documentati, non abbiamo la conoscenza dell’impatto a lungo termine”, ha detto l’autore senior dello studio Cecile Svanes, professore del Center for International Health dell’università.
“Temevamo che tali prodotti chimici, causando costantemente un piccolo danno alle vie aeree giorno dopo giorno, anno dopo anno, potessero accelerare il declino della funzione polmonare che si verifica con l’età”, ha spiegato.
Lo studio, inserito nella ricerca intitolata “Le pulizie a casa e al lavoro in relazione alla funzione polmonare, declino e ostruzione delle vie aeree”, dice che il peggioramento della funzione polmonare è attribuibile all’irritazione causata dalla maggior parte delle sostanze chimiche contenute nei prodotti utilizzati per la pulizia sulle mucose che rivestono le vie respiratorie e nel tempo causano cambiamenti persistenti nelle vie aeree e nel rimodellamento di esse.
Lo studio non ha rilevato che gli uomini che si erano dedicati alle pulizie, a casa o per lavoro, non avevano riportato danni polmonari maggiori rispetto agli uomini che non avevano fatto queste attività.
I ricercatori hanno preso in considerazione fattori che potrebbero aver influenzato i risultati, tra cui la storia del fumo, l’indice di massa corporea e l’educazione.
I limiti dello studio includono il fatto che includeva pochissime donne che non pulivano a casa o al lavoro. Anche il numero di uomini che lavoravano come addetti alle pulizie professionali era piccolo e la loro esposizione ai detergenti era probabilmente diversa da quella delle donne.

You must be logged in to post a comment Login