UA-72767483-1

Il fotovoltaico costerà di meno

Filed under In evidenza, News, Tecnologia

Un team di scienziati della Stanford University ha mostrato come la nanotecnologia possa essere utilizzata per creare celle solari a film sottile di silicio cristallino (c-Si) che sono più efficienti nell’acquisire energia solare.

La scoperta può ridurre il costo della produzione di energia solare a livello globale, hanno osservato.

Il dott. Shrestha Basu Mallick, in collaborazione con i suoi consulenti, il dott. Mark Brongersma e il dott. Peter Peumans, ha sviluppato un nuovo metodo per produrre una cella solare più economica e più efficiente.

Il team ha utilizzato la modellazione ottica e le simulazioni elettriche per dimostrare che una cella solare in silicio cristallino a film sottile con una nanostruttura 2D genera una corrente foto tre volte superiore a quella di una cella non strutturata dello stesso spessore.

Questo perché la superficie nano-strutturata intrappola la luce in entrata in modo più efficace, facendo sì che passi più tempo all’interno del materiale di silicio.

Più a lungo la luce passa all’interno della cella solare, maggiore è la sua possibilità di essere assorbita.

“L’assorbimento della luce nelle celle solari in silicio cristallino può essere significativamente migliorato dalla nanostrutturazione e questo riduce lo spessore del silicio richiesto“, ha detto il dott. Basu Mallick.

Questo è importante perché aiuta i paesi a essere competitivi e apre la strada a nuove applicazioni solari, ha aggiunto.

La scoperta rivela un metodo semplice per migliorare l’efficienza di tutte le celle solari in silicio.

Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Optics Express.

You must be logged in to post a comment Login