UA-72767483-1

La mancanza di sonno può causare pensieri ripetitivi negativi

Filed under In evidenza, Lifestyle, Salute

Un nuovo studio ha trovato che fissarsi su dei pensieri negativi in una compulsione angosciante può legato a un cattivo sonno e a una durata del sonno più breve.

Due ricercatori entrambi laureati all’Università statale di New York a Binghamton, hanno condotto uno studio incentrato sul legame tra pensieri ripetitivi, di intensità moderata e alta, e la durata e le abitudini del sonno notturno.

I risultati dello studio, riportato nel Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, dicono che i partecipanti, che avevano frequenti disturbi del sonno, avevano anche difficoltà nello smettere di concentrarsi sugli eventuali stimoli negativi a cui erano esposti.

Lo studio ha evidenziato un legame tra il cattivo sonno e la preponderanza di pensieri intrusivi.

I ricercatori per giungere alle loro conclusioni hanno reclutato 52 partecipanti di età compresa tra i 18 e i 65 anni, ognuno dei quali aveva riportato alti livelli nei test che misurano il pensiero negativo ripetitivo di un individuo.

Ai fini di questo studio, ai partecipanti sono state mostrate varie coppie di immagini, sia neutre che emotivamente evocative, ed è stato testato il grado di attenzione seguendo i movimenti oculari.

Il team ha anche raccolto informazioni sui cicli di sonno dei partecipanti, registrando i dati relativi al loro tempo di sonno notturno e alle ore in cui si addormentavano normalmente.

Dallo studio è emerso che più breve era la durata del sonno di una persona, più a lungo ci voleva per spostare la sua attenzione dagli stimoli negativi. Lo stesso era vero per i partecipanti che trovavano difficile addormentarsi la sera.

Il pensiero negativo ripetitivo era anche rilevante per lo sviluppo  di diversi disturbi, come l’ansia e la depressione.

Il pensiero negativo ripetitivo si verifica quando una persona si sofferma forzatamente su pensieri e stimoli che sono angoscianti e inutili. Il che porta spesso a un peggioramento della qualità della vita e all’emergere di problemi di salute mentale, in particolare di depressione e ansia.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login