Uno smartphone può cambiare il cervello

Filed under In evidenza, Lifestyle, Salute, Tecnologia

Alcuni ricercatori hanno trovato che può esserci uno squilibrio chimico nel cervello dei giovani che sono dipendenti dallo smartphone e dall’uso di Internet, un disordine che è simile a quello delle dipendenze, dell’ansia e della depressione.

I ricercatori del Pew Research Center, negli Usa, per il nuovo studio sulla dipendenza da smartphone e da Internet si sono concentrati sulla chimica del cervello di alcuni giovani a cui era stata diagnosticata una dipendenza a causa dell’uso dei loro smartphone o di Internet.

Gli studiosi hanno condotto lo studio su 19 giovani individui dipendenti da Internet o dallo smartphone e su un altro gruppo di 19 giovani sani. L’età media per entrambi i gruppi, in cui in ciascuno c’erano 9 maschi, era di 15,5 anni.

E’ emerso che i giovani dipendenti da smartphone e Internet avevano insonnia, impulsività, ansia e depressione, dopo che avevano risposto a domande incentrate sulla misura in cui l’uso di Internet e dello smartphone influiva sulla loro routine quotidiana, sulla vita sociale, sulla loro produttività, sui modelli di sonno e sui sentimenti.

I ricercatori hanno anche eseguito la spettroscopia a risonanza magnetica (MRS) per studiare la chimica del cervello dei partecipanti, sia prima che dopo averli sottoposti a una terapia cognitivo comportamentale.

Hanno scoperto che, rispetto agli individui sani, il rapporto tra acido gamma aminobutirrico (GABA) e glutammato-glutammina (Glx) era aumentato nel cervello dei partecipanti con dipendenza da Internet o da smartphone, prima della terapia.

GABA è un neurotrasmettitore nel cervello che controlla i segnali cerebrali, mentre Glx è un neurotrasmettitore che rende i neuroni eccitati. In altri studi, GABA ha dimostrato di essere coinvolto nella regolazione di alcune funzioni cerebrali, inclusa l’ansia.

I risultati dello studio hanno mostrato che, proprio come qualsiasi altra dipendenza, la dipendenza da internet e da smartphone può avere serie implicazioni.

La buona notizia è che i rapporti GAMA e Glx dei pazienti dipendenti erano tornati alla normalità dopo la terapia cognitivo comportamentale.

I risultati dello studio sono stati presentati al meeting di quest’anno della Radiological Society of North America (RSNA).

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login