La donna che ricorda tutto fin dalla nascita

Filed under In evidenza, Lifestyle, Salute

Per i più, ricordare gli eventi relativi ai primi anni di vita è impossibile. I ricordi di una persona normale di solito iniziano a 4 anni. Ma ci sono alcune persone che ricordano perfettamente anche il tempo in cui erano nella culla. Tra questi, un’australiana di 27 anni, tale Rebecca Sharrock, che non ricorda come il resto del mondo.

Questa giovane donna soffre di una sindrome nota come “Highly Superior Autobiographical Memory” (HSAM) o ipertimesia e può ricordare ognuna delle cose che ha vissuto nella sua vita.

Fino a qualche anno fa, la Sharrock credeva che tutti ricordassero le cose nello stesso modo in cui lo faceva lei, fino a che, un giorno, i suoi genitori la chiamarono per guardare delle notizie televisive sulle persone con iperestesia.

“Era il 23 gennaio 2011”, ricorda la ragazza, la quale scoprì solo allora di non avere una memoria anormale e che gli altri non ricordavano come lei.

La famiglia allora contattò gli accademici citati nella trasmissione televisiva che sottoposero la giovane a diversi test e che le diagnosticarono la sua condizione nel 2013.

Ricordare tutto può essere molto pesante e la sindrome può essere un tormento per il malato.

La giovane australiana, quando rivive le emozioni della sua infanzia, infatti, trova molto difficile poterle controllare.

La 27enne ricorda tutto, ad iniziare dal 12esimo giorno della sua vita, anche se c’è una cosa che non riesce proprio a rammentare: il giorno della sua nascita.

La ragazza è ora oggetto di studio in due progetti di ricerca: uno con la Queensland University e l’altro con l’Università della California.

L’ipertimesia è stata scoperta nel 2000 e solo 60 persone in tutto il mondo sono famose per avere questa condizione.

Secondo i ricercatori, le persone che soffrono di ipertimesia hanno un più grande lobo temporale, area che aiuta a processare la memoria,così come un più grande nucleo caudato, area del cervello che aiuta a imparare ma che può anche svolgere un ruolo nel disturbo ossessivo-compulsivo.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login