Inaugura il 16 novembre Casa Vicens Gaudí

Filed under Cultura e Società, Esteri, Notizie, Viaggi

Da dimora privata a sito Patrimonio Mondiale aperto al pubblico

Aprirà le proprie porte il 16 novembre a Barcellona, capoluogo catalano, Casa Vicens Gaudí, il primo edificio progettato e costruito interamente dal genio modernista Antoni Gaudí. Dopo un restauro meticoloso basato su una approfondita ricerca storica, la casa sarà uno spazio aperto al pubblico e interamente dedicato ad arte e cultura.

Dopo 130 anni dalla sua realizzazione e a seguito del suo ripristino iniziato nel 2015, Casa Vicens Gaudí, dal 2005Patrimonio Mondiale UNESCO, si appresta a diventare accessibile e aperta a tutti.

Casa Vicens è la prima opera integralmente progettata e realizzata da Antoni Gaudì, che ne ha curato non solo il progetto architettonico, ma anche le finiture artistiche. L’edificio è per questo considerato la massima espressione del genio di Gaudì che, precursore dei tempi e degli stili, ha contribuito a diffondere il modernismo in Europa sul finire del XIX secolo.
L’apertura di Casa Vicens al pubblico è stata possibile grazie al ripristino della struttura nel rispetto del progetto originario dell’architetto – fonte primaria di elementi di studio per i restauratori – e sull’analisi di tutte le fonti archivistiche disponibili sia su Gaudí sia sul contesto storico, sociale e architettonico dell’epoca.

Il progetto di recupero ha incluso interventi architettonici per adattare gli spazi al nuovo utilizzo come spazio culturale ed espositivo e facilitare la comprensione e la scoperta ai visitatori. Casa Vicens  apre al pubblico con una riflessione sul concetto stesso di “Casa museo” e mira ad essere un luogo in cui contemplazione e ricerca continua vanno di pari passo; un luogo  dove i visitatori, divertendosi, siano invogliati a porsi nuovi interrogativi sull’arte. Riflessioni che, espresse nel piano museale, sono state aggiunte al piano architettonico per stabilire e definire la nuova Casa Vicens.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login