UA-72767483-1

Un Manifesto per l’umanizzazione delle cure in oncologia

Filed under Lifestyle, Salute

Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha presentato il Manifesto per l’umanizzazione delle cure in oncologia, spunto di riflessione sulle sfide dell’oncologia del prossimo futuro. Il documento intende definire un approccio multidisciplinare integrato volto a coniugare il progresso scientifico alla cura della persona nella sua interezza.

 

Ogni giorno in Italia circa 1.000 persone ricevono una diagnosi di tumore1. Tuttavia, dal 1994 al 2011, si evidenzia un miglioramento del trend di sopravvivenza per tutti i tumori2. Un trend in aumento legato all’individuazione di strumenti prognostici innovativi più efficaci e agli importanti progressi terapeutici degli ultimi anni che hanno portato proprio ad un costante incremento dei pazienti lungo – sopravviventi.

 

Lo scenario della terapia dei tumori sta cambiando radicalmente, anche nel nostro Paese – ha affermato Antonio Messina, a capo del business biofarmaceutico di Merck in Italia -. Merck intende rispondere ai nuovi quesiti che si stanno delineando in oncologia attraverso un dialogo costante e proficuo con tutti gli attori coinvolti nel percorso di cura. Questo al fine di individuare azioni utili all’umanizzazione dell’intero processo, per fare sempre di più una concreta differenza nella vita dei pazienti e delle persone che se ne prendono cura.”

 

Il Manifesto traccia quindi un percorso per il raggiungimento di una Human Based Oncology che passa attraverso le seguenti tappe:

1.    Il progresso nelle terapie oncologiche

2.    Il diritto alla salute e la sostenibilità delle terapie

3.    L’umanizzazione delle cure attraverso:

a.    L’applicazione del modello clinico bio-psico-sociale

b.    La comunicazione efficace medico-paziente

c.    Il patient empowerment

4.    La valutazione partecipata dell’umanizzazione

5.    Un maggiore contributo del volontariato

 

Il documento è il frutto di un think tank multidisciplinare, promosso da Merck, che ha visto riuniti i principali interlocutori nell’ambito dell’assistenza oncologica in Italia.

Il panel di esperti che ha dato vita al Manifesto ha visto la partecipazione dei rappresentanti dell’AIOM, Associazione Italiana di Oncologia Medica; della FAVO, Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia; dello IEO, Istituto Europeo di Oncologia e dell’Università degli Studi di Milano e della SIFO, Società Italiana di Farmacia Ospedaliera.

 

L’iniziativa rientra nelle attività realizzate da Merck in ambito oncologico per favorire una migliore qualità di vita e un maggior engagement del paziente nel percorso terapeutico, tra le quali figurano il recente contributo non condizionato al sito “Persone Che” e la creazione della App “La Mia Voce” per i pazienti colpiti da tumore della testa e del collo.

 

Bibliografia

1.     AIOM, Rapporto “Lo stato dell’Oncologia in Italia”, 2017

2.     AIRTUM Working Group, I tumori in Italia “La sopravvivenza dei pazienti oncologici in Italia”, Rapporto AIRTUM 2016

 

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login