Preticare Yoga contrasta il declino cerebrale

Filed under In evidenza, Lifestyle, Salute

Lo Yoga non solo aiuta a mantenere il peso sotto controllo, ma anche a mantenere il cervello in  salute, secondo una recente ricerca, la quale ha stabilito che fare yoga regolarmente può contribuire a ritardare l’invecchiamento cerebrale e a prevenire il declino cognitivo della vecchiaia.

Le persone che praticano yoga regolarmente, secondo questo studio, hanno un maggior spessore corticale nella corteccia prefrontale sinistra, ossia nelle aree del cervello responsabili delle funzioni cognitive, come l’attenzione e la memoria.

Lo spessore cerebrale è correlato con il declino cognitivo. Una modalità di contrasto all’insorgere della demenza potrebbe venire, secondo il nuovo studio, i cui risultati sono stati pubblicati nella rivista ‘Frontiers in Aging Neuroscience’, in pratiche come lo yoga e la meditazione.

“Allo stesso modo dei muscoli, il cervello si sviluppa attraverso la formazione”, ha spiegato uno dei ricercatori, Elisa Kozasa dell’ospedale Israelita Albert Einstein di Sao Paulo, in Brasile, coinvolta nello studio.

“Come ogni pratica contemplativa, lo yoga ha una componente cognitiva in cui l’attenzione e la concentrazione sono importanti”, ha spiegato Kozasa.

Il team di ricerca ha voluto vedere se i professionisti anziani dello yoga avessero differenze nella loro struttura del cervello rispetto a quelli che non avevano mai praticato lo yoga e che avevano la loro stessa età.

Lo studio effettuato su un piccolo gruppo femminile di praticanti yoga per almeno due volte a settimana e per almeno otto anni, ha trovato che le donne le quali avevano praticato yoga regolarmente avevano un maggiore spessore nella corteccia prefrontale.

I ricercatori hanno confrontato il gruppo di praticanti di yoga con un altro gruppo formato da donne sane che non avevano mai praticato la disciplina o altro metodo meditativo e che avevano un’età simile a quella delle donne praticanti Yoga.

I ricercatori hanno scansionato il cervello delle partecipanti utilizzando la risonanza magnetica per esaminare la struttura del loro cervello.

 

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login