La depressione colpisce in modo diverso le ragazze e i ragazzi

Filed under In evidenza, Lifestyle, Salute

Un recente studio condotto dagli esperti dell’Università di Cambridge ha evidenziato che le ragazze e i ragazzi reagiscono in modo diverso, quando sono depressi.

Lo studio, pubblicato sulla rivista “Frontiers in Psychiatry” dice che le ragazze hanno probabilmente più di due volte dei ragazzi il rischio di depressione, all’età di 15 anni.

Inoltre, mentre i ragazzi sono più inclini a sperimentare la depressione a lungo termine, le loro controparti femminili possono sperimentare il male con attacchi.

Gli uomini hanno, inoltre, maggiori probabilità di dover affrontare gravi conseguenze in caso di depressione, rispetto alle donne.

I risultati dello studio hanno portato i ricercatori ad esaminare come alcune regioni del cervello reagiscano in modo diverso negli uomini e nelle donne nelle situazioni stressanti o negli stati depressivi.

Gli esperti hanno anche suggerito la necessità di misure preventive durante l’adolescenza precoce.

Pure la dieta può svolgere un ruolo importante nel far sentire meglio, poiché alcuni prodotti alimentari possono ridurre o controllare l’infiammazione nel cervello, che può causare alterazioni dell’umore o depressione.

La limonata, l’acqua di cocco o il latticello speziato, se naturali (evitando le bevande confezionate, zuccherate e frizzanti),  le bacche e la frutta, come le ciliegie e l’uva insieme alle verdure verdi, sono piene di antiossidanti, che possono davvero aiutare la salute mentale. Importante è anche consumare i cibi di color arancione contenenti carotene, che sono eccellenti per affrontare lo stress e altri disturbi mentali.

La depressione è una delle cause primarie di disabilità al mondo, con molte persone affette che hanno meno di 25 anni.

L’adolescenza è una fase a rischio, perché caratterizzata da cambiamenti non solo fisici e ormonali, ma anche psicologici.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la depressione nelle persone è aumentata del 18% tra il 2005 e il 2015.

 

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login