La pornografia può rendere impotenti

Filed under In evidenza, Lifestyle, Salute

Una nuova ricerca, fatta negli Stati Uniti, sostiene che la pornografia può avere un impatto molto negativo sulla salute sessuale degli uomini.

Il rapporto afferma che gli uomini, che guardano più di frequente cose porno in Internet, hanno maggiori probabilità di diventare disinteressati al sesso, fatto con un partner nella vita reale, e sono meno in grado di avere un’erezione in camera da letto.

Le donne, invece, non sembra abbiano questo problema e lo stesso studio indica che la pornografia pare avere poco o nessun effetto sulla vita sessuale delle donne.

Lo studio è stato effettuato dal Naval Medical Center di San Diego, sulla base di due indagini fatte su più di 300 uomini e donne, di età compresa tra 20 e 40 anni.

E’ emerso che circa il 20 per cento degli uomini coinvolti guardava cose porno da tre a cinque volte alla settimana, mentre il 4 per cento ha ammesso di preferire il porno piuttosto ai rapporti sessuali con un partner reale.

I ricercatori hanno osservato c’era una correlazione tra coloro che guardavano spesso il porno e quelli che sostenevano di avere poco desiderio di fare sesso con un partner reale.

La correlazione si estendeva anche a coloro che soffrivano di disfunzione erettile.

La disfunzione erettile negli uomini, in quella fascia di età relativamente giovane presa in considerazione dallo studio, è in genere molto bassa.

Il problema di questi uomini impotenti o poco interessati al sesso reale era, dunque, psicologico.

Per la maggior parte degli psicologi la pornografia fa sviluppare aspettative non realistiche, portando ad ansia da prestazione, così come a delusione quando il sesso nella vita reale non corrisponde a queste aspettative.

I risultati della ricerca sono preoccupanti, poichè oggi, con Internet, è facile utilizzare il porno, in un contesto in cui è emerso che almeno la metà di tutti i giovani, che hanno da 11 a 16 anni, guarda materiale pornografico online.

Lo studio è stato presentato al 112esimo Annual Scientific Meeting dell’American Urological Association.

Potrebbe interessarti anche:

Print Friendly

You must be logged in to post a comment Login