UA-72767483-1

Il Vademecum antistress di Giulio Cesare Giacobbe

Filed under Cultura e Società, Lifestyle, Salute

Il 9 Marzo 2017 esce “VADEMECUM ANTISTRESS”, il nuovo libro dello psicologo GIULIO CESARE GIACOBBE edito dalla ROI Edizioni. Un libro dedicato allo stress: quello che si manifesta sia nel corpo che nel pensiero dell’essere umano attraverso contrazioni muscolari e pensiero compulsivo. Il primo per ROI Edizioni, sarà disponibile in tutti gli store digitali e in tutte le librerie.

«Liberarsi da questo affollamento di pensieri, causa dello stress, rende imperturbabili ed efficienti come 007»afferma Giacobbe, autore di alcuni dei più straordinari e “singolari” successi editoriali degli ultimi anni. Infatti con i suoi “Come smettere di farsi seghe mentali e godersi la vita”, “Come diventare un Buddha in cinque settimane” e “Come diventare bella, ricca e stronza” ha completamente reinventato la divulgazione psicologica.

Il libro affronta un argomento importante perché: «liberarsi dallo stress è importante quanto guarire da una malattia mortale» – dice Giacobbe – «Lo stress è la grande malattia del nostro tempo. Forse è stata la grande malattia del genere umano da sempre. Da quando ha cominciato a pensare».

Vademecum in latino vuole dire “vieni con me”, infatti, il noto psicologo invita i suoi lettori a portarsi dietro questo pratico manualetto ovunque e a tenerlo sempre a portata di mano. Questo perché contiene semplici e brevi tecniche per rilassare la mente, applicabili in qualsiasi momento della giornata per zittire i pensieri e ottenere la serenità originaria.

Consapevole che lo stress è sempre in agguato e che, quando arriva, colpisce all’improvviso e con prepotenza, l’autore inserisce all’interno del Vademecum anche un utile “Pronto Soccorso contro gli attacchi di panico” che permette di non lasciarsi cogliere impreparati e di imparare a controllare l’ansia. Un libretto da e per vivere: «Ma devi leggerlo diverse volte. Finché ti entra dentro. Nella profondità del cervello. E allora la tua vita cambia» conclude l’autore.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login