Fare movimento contrasta il diabete mellito

Filed under In evidenza, Lifestyle, Salute

La vita sedentaria è collegata al diabete di tipo 2, come l’invecchiamento e l’obesità, secondo un nuovo studio inglese, in cui è stato chiesto a 435 adulti, a rischio di diabete, di indossare un monitor per l’attività fisica tutto il giorno, per una settimana, per vedere quanto tempo avessero trascorso seduti, in piedi e camminando.

I ricercatori, poi, con prove di laboratorio hanno visto come i corpi dei partecipanti allo studio trasformassero lo zucchero e l’insulina. Hanno trovato che, chi era stato seduto di meno aveva avuto una riduzione del 4% dei livelli dell’insulina a digiuno.

I risultati di questo studio “forniscono la ulteriore prova ulteriore” che semplicemente sostituendo lo stare seduti tutto il giorno si possono migliorare gli indicatori di diabete di tipo 2, ha detto il coautore dello studio, il dottor Joseph Henson, ricercatore dell’Università di Leicester.

Tuttavia, nello studio, le associazioni più forti sono state osservate nell’attività fisica più intensa, ha detto Henson.

I partecipanti al lavoro avevano in media 67 anni. La maggior parte di loro aveva un eccesso di grasso intorno al tronco ed era in sovrappeso o obeso e circa un terzo aveva avuto una storia familiare di diabete.

Dallo studio è emerso che chi aveva sostituito 30 minuti del tempo che prima passava stando seduto con più brevi periodi aveva avuto una riduzione del 4% dei livelli di insulina a digiuno.

Quando i partecipanti allo studio avevano sostituito lo stare seduti con lo stare in piedi, avevano avuto un calo del 5 per cento nei livelli dell’insulina a digiuno. Camminare a piedi aveva fatto scendere l’insulina dell’11 per cento.

Stare seduti per brevi periodi era legato ad un calo del 7 per cento di digiuno dell’insulina, hanno detto i ricercatori su ‘BMJ Open’. Resta da vedere quale attività fisica sia più adatta per far scendere l’insulina.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login