Musicoterapia: utile per ridurre la depressione in bambini e adolescenti

Filed under In evidenza, Lifestyle, Salute

La musicoterapia può contribuire a ridurre la depressione e aumentare l’autostima nei bambini e negli adolescenti in trattamento per dei problemi emotivi o comportamentali, secondo un nuovo studio, pubblicato nel ‘Journal of Child Psychology and Psychiatry’.

Per lo studio 251 bambini e ragazzi sono stati coinvolti tra marzo 2011 e maggio 2014. Essi sono stati divisi in due gruppi: 128 hanno subito le classiche opzioni di cura, mentre 123 sono stati curati anche con la musica, oltre che con le cure tradizionali.
Tutti erano in trattamento per problemi emotivi, di sviluppo o comportamentali.

I ricercatori hanno trovato che i bambini e i giovani, di età compresa tra 8 e 16 anni, con la terapia della musica, avevano significativamente migliorato la loro autostima e ridotto la loro depressione, rispetto a coloro che avevano ricevuto solo il trattamento tradizionale, senza musicoterapia.

Lo studio, della Bournemouth University e della Queens University di Belfast nel Regno Unito, ha anche scoperto che i giovani di 13 anni e più, che avevano ricevuto la musicoterapia avevano migliorato le loro abilità comunicative e interattive, rispetto a coloro che avevano ricevuto le classiche opzioni di cura, da sole.

La musicoterapia aveva anche migliorato il funzionamento sociale nel corso del tempo in tutte le fasce d’età.

E’ la prima volta, in questo studio, che l’efficacia della musicoterapia è stata dimostrata in un ambiente clinico.

La musica non solo ha un impatto positivo sugli esseri umani, ma anche sugli animali, come molte ricerche hanno anche dimostrato.

Related posts:

Il narcisismo colpisce più gli uomini che le donne
Scuola in Ospedale: il Bambino Gesù di Roma ha la sua app
Lo stress negli anziani aumenta il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer
Morta a 10 anni la piccola Marta, aveva donato all'ospedale i regali di Natale
Lo zucchero riduce il tempo del travaglio
Rare Disease Day, cinque appuntamenti in cinque città e una campagna di sensibilizzazione

You must be logged in to post a comment Login