UA-72767483-1

La meditazione trascendentale aiuta in caso di stress e traumi

Filed under Lifestyle, Salute

Una nuova ricerca ha rivelato che un programma di meditazione trascendentale di 4 mesi può portare ad una significativa riduzione dei sintomi dello stress e dei traumi, tra i detenuti maschi.

La tecnica può essere un trattamento efficace per i prigionieri, i veterani e altri individui ad alto rischio di stress post-traumatico.

La condizione, seppur diffusa tra molti, è più comune tra alcuni gruppi, come ad esempio i prigionieri militari, che sono maggiormente esposti agli eventi traumatici.

Randi Nidich, autore capo dello studio e direttore del Centro per la salute sociale ed emotiva dell’Università Maharishi of Management di Fairfield,  IA, negli Usa, con il suo team, ha pubblicato i risultati del suo lavoro sul ‘The Permanente Journal’.

Nel loro studio, il dottor Nidich e il suo team hanno incluso 181 prigionieri maschi dalla Oregon State Correctional Institution e dell’Oregon State Penitentiary, considerati a moderato e ad alto rischio di sviluppare i sintomi legati ai traumi.

I soggetti sono stati randomizzati: un gruppo ha seguito la meditazione trascendentale, con due sessioni di meditazione di 20 minuti due volte al giorno, un gruppo di controllo non ha meditato per 4 mesi. Tutti gli uomini hanno continuato con il loro standard di cura.

Tra i prigionieri nel gruppo di meditazione trascendentale, l’88 per cento ha completato il corso di introduzione a cinque sessioni, mentre più del 80 per cento ha completato le sessioni di meditazione quotidiane per l’intero periodo di 4 mesi.

All’inizio e alla fine dello studio, tutti i soggetti sono stati valutati in relazione ai sintomi legati a traumi e stress.

Rispetto al gruppo di controllo, gli uomini che avevano praticato la meditazione trascendentale per 4 mesi avevano avuto una riduzione del 47 per cento dei sintomi traumatici, tra cui ansia, depressione, disturbi del sonno, stress percepito.

La tecnica può essere utile non solo per i gruppi più a rischio, ma per molti altri. Secondo il Dipartimento of Veterans Affairs degli Stati Uniti  circa 6 su 10 uomini e 5 su 10 donne negli Stati Uniti sperimentano un trauma ad un certo punto della loro vita.  In alcune persone, tali eventi possono portare a disturbi da stress post-traumatico (PTSD), con incubi, ansia grave, stress, depressione e fobia sociale.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login