Le piante aiutano a purificare l’aria degli interni

Filed under Casa, Cultura e Società, In evidenza, Lifestyle

L’inquinamento dell’aria negli ambienti in cui si studia o lavora può provocare effetti sia a breve che a lungo termine sulla salute.

I sintomi a breve termine dell’esposizione all’inquinamento dell’aria all’interno degli edifici includono un peggioramento dell’asma, lacrimazione, mal di testa, vertigini, affaticamento, gola irritata, naso che cola.

Mentre questi sintomi di solito scompaiono entro un paio d’ore se non si è più esposti all’inquinante, le condizioni di salute a lungo termine non passano e possono consistere in bronchite, asma, enfisema, invecchiamento accelerato del tessuto polmonare, cancro ai polmoni, alta pressione sanguigna, infarto, ictus, vita più breve, diminuzione della funzione cognitiva.

I bambini sono particolarmente vulnerabili alle sostanze chimiche e inquinanti, sia a casa che a scuola.

Un aiuto può venire dalle piante d’appartamento che a casa, a scuola e in ufficio colorano lo spazio, migliorano l’umore e puliscono l’aria.

Secondo alcuni studi, le piante negli ambienti riducono la pressione sanguigna, migliorano attenzione e la produttività, riducono i livelli di ansia e aumentano memoria e concentrazione.

Le piante compiono una biodepurazione dell’ambiente tramite lo scambio gassoso, con cui gli inquinanti vengono assorbiti dalle foglie, che a loro volta emettono vapore acqueo.

Questo meccanismo migliora il livello di umidità e di ossigenazione interna.

Ma quali sono le piante più utili per purificare l’aria? Eccone alcune:

Chlorophytum, pianta ragno

Ha un doppio effetto. Elimina il monossido di carbonio e la formaldeide. In 24 ore assorbe l’86% di formaldeide e il 96% di monossido di carbonio esistenti nell’aria.
Il Chlorophytum è facile da coltivare all’interno delle abitazioni. Ama una luce forte per mantenere il colore delle sue foglie, ma sta bene anche con un’illuminazione media. Ha bisogno di una temperatura compresa tra 10-18 ° C. Le innaffiature devono essere moderate. Per mantenerlo in forma, basterà bagnarlo con acqua una volta alla settimana. Può sopportare brevi periodi di siccità ma anche l’irrigazione eccessiva. Si può dare una volta al mese un po’ fertilizzante per le piante, in primavera e in estate. Le sue piccole talee sono divertenti da moltiplicare, mettendole in un bicchiere d’acqua.

Ficus
Assorbe la formaldeide: in un solo giorno il ficus elimina metà del contenuto di formaldeide in una stanza. Questo composto chimico è emesso dalle schiume isolanti, dalla carta e dagli asciugamani di carta, dalla colla della moquette e dall’abbigliamento che ha subito un lavaggio a secco. Probabilmente è uno dei composti più tossici nelle nostre case.
Per mantenere sano il ficus, non muoverlo e non posizionarlo in un luogo dove ci sono correnti di aria fredda. La pianta ha bisogno della luce del sole, ma non diretta, di stabile temperatura e umidità.
Le innaffiature devono essere moderate. Se non si ama il ficus, anche il bambù e l’Aloe Vera assorbono fino al 90% della formaldeide contenuta nell’aria di una stanza.

Edera
È la pianta più efficace contro il benzene e il fumo di tabacco. Elimina il 90% del benzene presente in una stanza. Col suo fogliame, assorbe le esalazioni tossiche come ad esempio quelle della trielina.
Va messa in stanze poco riscaldate poiché odia il caldo e le atmosfere surriscaldate. Ha bisogno di annaffiature regolari.


Sansevieria
E’una pianta proveniente dall’Africa tropicale e che è nota per la sua resistenza. Resiste alle cattive cure, al calore e all’irrigazione irregolare. Tuttavia, vive meglio vicino a una finestra esposta a sud e protetta dalla luce solare diretta. Da innaffiare una volta alla settimana in estate, ogni due settimane in inverno o quando il terreno è asciutto.

Filodendro
Ottimo per purificare le case in legno. Divora il pentaclorofenolo, che è un fungicida dei prodotti per il trattamento del legno. Rilascia molto vapore acqueo e quindi aiuta a inumidire l’atmosfera surriscaldata delle case.
Non ha bisogno di molto terreno, ma di umidità e di regolare fertilizzante.

Gerbera
Assorbe quasi tutte le esalazioni tossiche degli oli essenziali, dei profumi e degli incensi. Anche se richiede molta luce, si può mettere ovunque in casa.

Felce di Boston
Ha un fogliame che distrugge la formaldeide. Ha bisogno di luce sufficiente, di una buona annaffiatura regolare e di temperature comprese tra 10 ° C e 20 ° C. Ha bisogno di un’alta umidità.

Spatifillo
Assorbe le esalazioni di acetone e vernice fresca. Va tenuto lontano da raggi del sole, può essere coltivato in ombra parziale, in primavera e in estate, va posto in una luce più forte in inverno o anche sotto il sole.

Crisantemo
È molto utile contro il tricloroetilene, sostanza usata nelle vernici e nei solventi. Il “fiore dei morti”, è essenziale nell’arredamento con vernice fresca, pulisce una stanza dalla trielina, solvente utilizzato nelle pitture e nelle vernici.
Per tenerli più a lungo possibile all’interno, i vasi di crisantemo hanno bisogno di luce e di scarse ma frequenti innaffiature.

Azalea
Assorbe l’ammoniaca contenuta nei prodotti per i piatti e negli sgrassanti di tutti i generi, anche quelli per piastrelle e linoleum.
Non deve stare troppo vicino alle fonti di calore e bisogna tenere il suo suolo umido, bagnandola poco ma frequentemente.

Cactus
Riduce gli effetti nocivi di un televisione o dello schermo del computer, rimuovendo le onde elettromagnetiche nocive.
Cactus e altre piante grasse sono le migliori compagne per l’ufficio. Inoltre, hanno bisogno di poca cura e di poco tempo. Si annaffiano una volta al mese.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login