UA-72767483-1

Rosetta: è stato ritrovato il robot Philae

Filed under Scienza

Il robot Philae, che sembrava introvabile è riapparso. La fotocamera ad alta risoluzione di Rosetta nelle immagini catturate il 2 settembre, ha mostrato Philae in una crepa scura della cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko, conformemente alle informazioni dell’Agenzia spaziale europea (ESA).

Philae è su una sporgenza di rocce che ostacolano la sua visibilità, ma le sue gambe e parte del suo corpo di un metro di larghezza sono distinguibili.

Il robot era stato visto l’ultima volta il 12 novembre del 2014, esso era rimbalzato e volato per due ore prima di finire in un posto chiamato Abydos, nel più piccolo lobo della cometa.

La sonda Rosetta aveva precedentemente esaminato questa zona, conosciuta come Abydos, ma senza alcun risultato positivo.

Meno di un mese prima della fine della missione, le immagini hanno però omostrato chiaramente il corpo principale del modulo di atterraggio, insieme a tre gambe.

Dopo tre giorni, la batteria primaria di Philae si è esaurita e il robot è andato in letargo, ma ha potuto comunicare brevemente con Rosetta a giugno e a luglio 2015, quando era più vicina al sole. Tuttavia, la sua precisa ubicazione era sconosciuto fino ad oggi.

“Questa scoperta notevole si verifica alla fine di una ricerca lunga e dolorosa”, ha detto Patrick Martin, direttore della missione ESA su Rosetta, aggiungendo: “Stavamo cominciando a pensare che Philae fosse perduta per sempre”.

La scoperta è avvenuta a meno di un mese prima che Rosetta scenda sulla superficie della cometa. Il prossimo 30 settembre, l’orbiter verrà inviato per la missione finale unidirezionale a studiare la cometa da vicino.

You must be logged in to post a comment Login