I disturbi del sonno possono aumentare il rischio di ictus

Filed under In evidenza, Lifestyle, Salute

I disturbi del sonno come l’insonnia e l’apnea del sonno possono aumentare il rischio di ictus. Inoltre le persone che hanno avuto un ictus o un mini-ictus (attacco ischemico transitorio) dovrebbero essere sottoposti a screening per i disturbi del sonno secondo un nuovo studio.

“Anche se i disturbi del sonno sono comuni dopo un ictus, pochi pazienti colpiti da ictus sono sottoposti a test per queste patologie”, ha detto Dirk Hermann dell’Università di Essen in Germania, autore dello studio.

“Le persone con disturbi del sonno possono avere più probabilità di a colpiti da un altro ictus rispetto alle persone senza problemi di sonno e dovrebbero andare in una casa di cura dopo aver lasciato l’ospedale, dopo un ictus o un’ischemia”, ha detto Hermann.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista ‘Neurology’, si basano su una revisione di decine di studi che avevano trovato un legame tra i disturbi del sonno e l’ictus.

I problemi di respirazione nel sonno, come l’apnea, compromettono la respirazione la notte, mentre l’insonnia o il sonno agitato influenzano la quantità di tempo trascorso dormendo.

Anche l’insonnia può aumentare il rischio di ictus e danneggiare il recupero dopo un’ischemia o un ictus.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login