Il vaccino che migliora l’efficacia dei farmaci anti-HIV

Filed under Lifestyle, Salute

I promettenti risultati di un vaccino italiano contro l’Hiv, sono stati presentati alla 21esima Conferenza internazionale sull’Aids a Durban.

Lo studio clinico di fase II condotto in Sudafrica con questo farmaco ha confermato che il vaccino terapeutico Tat contro l’HIV/AIDS può migliorare le terapie oggi disponibili per il trattamento dell’infezione da Hiv.

I risultati del lavoro, fatto da un gruppo di ricercatori italiani, guidati da Barbara Ensoli, direttrice del Centro Nazionale Aids (Cnaids) dell’Istituto Superiore di Sanità, sono già stati pubblicati sulla rivista ‘Retrovirology’.

E’ emerso che il vaccino aumenta i livelli di linfociti T CD4+.

“Con la somministrazione di una piccolissima quantità della proteina Tat siamo stati in grado di indurre una risposta immunitaria capace di migliorare l’efficacia dei farmaci anti-HIV, evidenziata da un aumento significativo di cellule T CD4”, ha spiegato la Ensoli.

Il vaccino italiano contro l’Hiv ha infatti come bersaglio la proteina Tat, prodotta nelle prime fasi dell’infezione, che è fondamentale sia per la replicazione del virus che per la progressione della malattia.

La sperimentazione è stata condotta in Sudafrica nell’ambito di un programma di cooperazione bilaterale tra il governo italiano e quello sudafricano per la lotta contro l’Aids.

La ricerca ha coinvolto 200 pazienti in terapia con farmaci anti-Hiv, che agiscono bloccando la replicazione del virus.

I partecipanti allo studio sono stati “randomizzati” (ovvero distribuiti in modo casuale) in due gruppi, che hanno ricevuto tre iniezioni per via intradermica di 30 microgrammi di vaccino o di placebo, a distanza di un mese l’una dall’altra.

Lo studio è stato condotto in “doppio cieco”, ovvero senza che né i volontari né gli sperimentatori conoscessero chi riceveva il vaccino o chi invece aveva solo un placebo.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login