Il movimento contrasta il fegato grasso dopo la menopausa

Filed under Lifestyle, Salute

La steatosi epatica non alcolica non diagnosticata nelle donne in post-menopausa, può portare  a insulino-resistenza, obesità addominale, ipertensione, dislipidemia e diabete mellito tipo 2, secondo uno studio della North American Menopause Society (NAMS).

La patologia associata con l’obesità, insulino-resistenza e diabete dell’adulto è caratterizzata dal grasso nel fegato rilevabile in ecografia o con altri enzimi epatici nei test.

La produzione diminuita di estrogeni durante la menopausa delle donne è associata con i cambiamenti nella composizione corporea ed espone al rischio di un aumento del peso corporeo e al rischio di obesità addominale, che contribuisce allo sviluppo del fegato grasso.

Per contrastare la steatosi epatica, dice lo studio, è importante aumentare l’attività fisica, riducendo il grasso intorno vita, migliorando il colesterolo buono e la capacità funzionale cardiopolmonare.

La gente con steatosi epatica ha minore capacità funzionale cardiopolmonare, cosa che aumenta il rischio cardiovascolare in modo indipendente.

Una migliore fitness cardiorespiratorio è stato associato anche con più a basso rischio di mortalità nelle donne con elevati livelli di glucosio o diabete.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login