Le fregate del Pacifico volano anche per due mesi senza fermarsi

Filed under Scienza

Le fregate del Pacifico (Fregata magnificens), grandi uccelli dalla coda biforcuta, possono volare per più di due mesi senza sosta nelle loro migrazioni transoceaniche. Lo ha rivelato uno studio pubblicato giovedì sulla rivista americana ‘Science’.

Questi uccelli marini enigmatici, perché difficilmente osservabili, si nutrono di pesci volanti e hanno larghe ali che danno loro una capacità unica di librarsi.

Le fregate del Pacifico hanno lunghe ali sottili con un’apertura alare di oltre due metri. Non galleggiano in acqua e quindi non possono atterrare, ma sono in grado di passare anche due mesi in volo.

Per lo studio, recentemente pubblicato, un team di ricercatori francesi, guidati da Henri Weimerskirch, del centro di studi biologici di Chize del CNRS e dell’Università della Rochelle, ha intrapreso un programma di etichettatura nel canale di Mozambico, alto luogo di riproduzione di questa specie.

Hanno dotato oltre 50 fregate di sensori che misuravano la loro posizione tramite GPS, l’altitudine, la frequenza cardiaca e il numero dei battiti di ali.

Per ridurre al minimo il dispendio energetico durante il viaggio, questi uccelli utilizzano le correnti d’aria degli “alisei”, che permettono loro di volare con solo pochi battiti d’ala.

Utilizzando le correnti ascensionali sotto le nuvole, vanno in altitudine e possono godere di brevi periodi di inattività totale. Ciò fa pensare che le fregate dormano in certi momenti di questa fase di ascensione.

Arrivati nella parte inferiore dello strato di nubi a 600 o 700 metri sul livello del mare, questi uccelli scendono a mezz’aria per chilometri senza alcun dispendio di energia.

Possono arrivare ad altitudini molto elevate, a circa 3000-4000 metri, talora devono affrontare temperature molto fredde e mettono in atto strategie per evitare i cicloni tropicali durante il loro viaggio.

Per i loro voli tra l’Africa e l’Indonesia seguono il bordo dell’area di formazione dei cicloni tropicali intorno all’equatore.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login