UA-72767483-1

Nuovi laser per liberarsi dagli angiomi

Filed under Lifestyle, Salute

Gli angiomi molto spesso per chi li ha sono un problema. La patologia non riguarda solo il lato estetico, ma può interessare anche vari organi e danneggiarli, oltre a provocare un eventuale disagio psicologico. Per questo tipo di difetto ora ci sono nuovi laser sicuri e affidabili.

Le anomalie vascolari costituiscono un problema di grandissima rilevanza sul piano medico e sociale, in quanto si tratta di patologie invalidanti che si manifestano in età pediatrica, giovanile e adulta e possono comportare severe implicazioni emodinamiche, funzionali, ma anche estetiche e psicologiche.
Due le entità principali: gli angiomi e le malformazioni capillari piane, queste ultime impropriamente denominate “angiomi piani”.

“Quando l’angioma cresce in corrispondenza di apparati importanti come gli occhi o il naso – afferma il dottor Davide Brunelli, Dirigente Medico Divisione Dermatologia Ospedale M. Bufalini di Cesena e Referente Scientifico di Syneron Candela – è importante intervenire subito, fin dai primi mesi di vita, per evitare di ostacolare il normale sviluppo della vista o per evitare che l’angioma determini danni irreversibili a strutture importanti quali le cartilagini nasali. Il trattamento più utilizzato in questi casi è di tipo medico e consiste nella somministrazione di un beta bloccante, il propranololo, in grado di determinare un arresto della crescita e una involuzione dell’angioma. Successivamente alla stabilizzazione della neoformazione è possibile intervenire con i laser per correggere le eventuali imperfezioni vascolari che possono persistere anche dopo la terapia medica.Per le malformazioni capillari piane, al contrario, non esiste per ora un trattamento analogo ma è possibile ottenere una marcata involuzione degli elementi mediante l’utilizzo del dye laser che emette un’onda luminosa che coagula selettivamente i capillari rossi lasciando inalterata la pelle. Per questo motivo possono essere trattati i bambini sin dai primi mesi di vita e questo permette sia una migliore risposta al trattamento che la precoce normalizzazione della cute agevolando così un inserimento sociale meno traumatico per i piccoli pazienti”.

Gli angiomi, veri e propri tumori benigni secondari ad una proliferazione dei vasi capillari, colpiscono il 2-3% dei nati a termine e sino al 22% dei prematuri. Possono localizzarsi in qualunque regione anatomica ma nel 60-70% dei casi si localizzano al distretto cefalico, potendo determinare importanti problematiche funzionali, per esempio quando si formano in area perioculare o nasale o raggiungono grandi dimensioni. Gli angiomi generalmente crescono in maniera tumultuosa nei primi mesi di vita quindi si assestano per regredire progressivamente negli anni successivi.

Le malformazioni capillari piane sono più rare, coinvolgono circa lo 0,3% dei nuovi nati e sono caratterizzate da una anomalia dei vasi capillari superficiali che si mantengono permanentemente dilatati determinando la caratteristica colorazione rosso accesa delle lesioni.

A differenza degli angiomi non regrediscono ma si accrescono durante la vita proporzionalmente allo sviluppo del corpo. Anche in questo caso si localizzano per più al volto causando un grande disagio relazionale e psicologico.

“Sia gli angiomi che le malformazioni capillari piane – prosegue Davide Brunelli – potrebbero essere la spia di concomitanti alterazioni degli organi interni: viene sempre raccomandata pertanto una visita specialistica, eventualmente completata con esame ecografico o risonanza magnetica, al fine di scongiurare con la massima certezza questa eventualità. Con i laser vascolari di cui oggi disponiamo è possibile il trattamento non solo di queste importanti patologie ma anche di una serie di inestetismi, quali couperose, angiomi rubino, laghi venosi, capillari dilatati delle gambe, con alta efficacia e sicurezza in virtù dei perfezionamenti tecnologici che hanno caratterizzato le apparecchiature di ultima generazione”.

Prima dell’arrivo dei laser il trattamento delle lesioni vascolari era confinato al solo atto chirurgico con esiti estetici e funzionali spesso insoddisfacenti. Le terapie laser, oggi, sono molto meno invasive rispetto ai corrispondenti interventi chirurgici, provocano un dolore appena percettibile e non necessitano di degenze o sedazioni profonde se non nei pazienti più piccoli. Grazie al perfezionamento tecnologico sono divenuti apparecchi sicuri e affidabili nonché dotati di parametri applicativi standardizzati e condivisi dalla comunità scientifica. Questo permette il loro utilizzo sin dalla prima infanzia con indubbio vantaggio fisico e psicologico.

A lanciare sul mercato due nuovi apparecchi per il trattamento delle lesioni vascolari, il laser YAG (Gentle YAG Pro-U) ed il DYE laser (Vbeam Perfecta) è Syneron Candela www.syneron-candela.it, azienda leader nel campo della medicina estetica.

Il laser YAG ha un sistema di raffreddamento brevettato che prepara l’epidermide al trattamento riducendo il disagio ed aumentando l’efficacia nell’eliminazione non solo delle lesioni vascolari profonde, come nel caso di capillari (gambe o viso) o angiomi di colore blu, ma anche dei peli superflui o delle rughe.

Il DYE laser è particolarmente indicato per il trattamento delle lesioni vascolari di colore rosso, quindi meno profonde. Il Vbeam Perfecta utilizza una tecnologia a otto microimpulsi che permette al medico di trattare le lesioni aumentando l’efficacia e riducendo al massimo gli effetti collaterali.

You must be logged in to post a comment Login