UA-72767483-1

Abolizione della Guardia Medica, protesta l’11 maggio a Roma

Filed under Lifestyle, Notizie, Salute

Desta preoccupazione l’intenzione del Governo di abolire la Guardia Medica, anche in alcune ore della notte, mentre resterebbe attivo solo il 118.

Dopo la mezzanotte e fino alle otto nei giorni feriali e dalle venti alle otto nei giorni festivi, funzionerebbero solo i Pronto Soccorso, a seguito di una nuova disposizione che il Governo Renzi vorrebbe introdurre.

Questo potrebbe rappresentare un grave problema per i pazienti, con le sedi del Pronto Soccorso, già molto caotiche e mal funzionanti in alcune strutture ospedaliere, che sarebbero costrette ad avere maggior lavoro. A fare le spese di questa novità sarebbero soprattutto i piccoli centri in cui pazienti in caso di bisogno, dovrebbero spostarsi fino al Pronto Soccorso dell’ospedale più vicino, con gravi eventuali rischi per la salute.

La disposizione del Governo Renzi sulla Guardia Medica si inserisce nell’ambito della riforma del Sistema Sanitario Nazionale che l’esecutivo sta portando avanti e costituirebbe un primo passo verso una possibile fusione della guardia medica con i medici di famiglia, con gli studi dei medici di base che dovranno  restare aperti sedici ore sette giorni su sette, dalla mattina alle otto fino alla mezzanotte.

La notte, dopo una certa ora, comunque, il servizio farebbe sempre capo al Pronto Soccorso con le guardie mediche, che, nei giorni festivi e nei fine settimana, sarebbero  sostituite dalle Atf (Aggregazioni territoriali funzionali).

Contro questa disposizione, che il Governo vorrebbe approvare, i medici scenderanno in piazza Montecitorio, a Roma, mercoledì prossimo, 11 maggio, dalle 9 alle 14. La protesta è stata organizzata dal Sindacato dei Medici Italiani (SMI) con lo slogan “Non si spengano le luci all’assistenza medica notturna“, che propone online anche una petizione contro l’abolizione della Guardia Medica notturna.

Anche sul sito del SMI Lazio si possono scaricare i moduli per una raccolta firme che i medici possono sottoporre ai loro pazienti per la firma.

You must be logged in to post a comment Login