Uomo di Neanderthal scomparso per eccessivo consumo di carne

Filed under Scienza

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista statunitense Plos One, la scomparsa dell’uomo di Neanderthal può essere stata causata da una dieta inadeguata, con un eccessivo consumo di carne.

Questo cugino degli esseri umani moderni è scomparso circa 40’000 anni per ragioni che rimangono poco chiare.

I paleontologi analizzato l’usura dei 52 molari fossilizzati del Neanderthal e dell’homo sapiens del Paleolitico recente, risalenti a 45’000 e a 10.000 anni fa. Hanno rilevato la modalità l’alimentazione dei due antichi uomini e hanno stabilito delle relazioni con le condizioni climatiche del tempo.

I ricercatori hanno determinato che l’uomo di Neanderthal apparentemente si è adattato ai cambiamenti nel suo habitat, alle fluttuazioni nel clima, consumando ciò che era immediatamente disponibile.

Così, ha mangiato, soprattutto quando era nell’ambiente freddo delle steppe, della selvaggina completando la dieta solo quando poteva con verdure, semi e noci.

Invece, “probabilmente i nostri antenati hanno creato strumenti per continuare a procurarsi queste risorse di cibo nel loro ambiente”, ha detto Sireen El Zaatari, dell’Università di Tubinga, in Germania, principale autore della ricerca. Questa strategia di alimentazione avrebbe permesso di sopravvivere all’uomo moderno del Paleolitico recente, in un ambiente climatico sconvolto dall’ultimo periodo di glaciazione, 110 000 – 10 000 anni fa.

L’uomo di Neanderthal è stato in grado di sopravvivere per centinaia di migliaia di anni prima di scomparire. Era in Eurasia prima gli esseri umani moderni arrivassero dall’Africa circa 50.000 anni fa.

Se l’uomo di Neanderthal e gli esseri umani hanno convissuto, sono state queste differenze nella dieta che hanno determinato la scomparsa dell’uomo di Neanderthal e la sopravvivenza dei suoi cugini moderni, hanno detto gli scienziati.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login