Tesoro romano scoperto da alcuni lavoratori in Spagna

Filed under Cultura e Società

Diciannove anfore piene di monete di bronzo risalenti al 3 ° e 4 ° secolo dopo Cristo sono state scoperte in una città, nella provincia di Siviglia.

Si stima che il valore del ritrovamento sia di diversi milioni di euro, mentre  è incalcolabile il loro valore storico.

“È un ritrovamento unico e ci sono pochissimi casi simili”, ha detto in una conferenza stampa il direttore del Museo Archeologico di Siviglia, Ana Navarro, aggiungendo che le scritte delle monete, su un lato, si riferiscono agli imperatori Massimino e Costantino, e che su un altro del denaro ci sono “varie allegorie romane, come l’abbondanza”. 

Gli oggetti, inoltre, sembrano non essere mai stati utilizzati.  Le monete, probabilmente fatte in Oriente, non sono state usate e non hanno usura.

“Non si tratta di anfore per il vino o l’olio, queste sono più piccole e usate per il trasporto di altre merci. Ciò che sorprende è che siano state utilizzate per i  risparmi”, ha aggiunto Ana Navarro.

“È probabile che alcune abbiano un bagno d’argento e non solo di bronzo”, ha aggiunto la Direttrice spiegando che senza dubbio le monete erano destinate a remunerare i funzionari o i soldati.

Le anfore, di cui nove sono intatte, sono state scoperte da alcuni lavoratori a Tomares, una cittadina di 25.000 abitanti. Dopo la scoperta, le lavorazioni in corso sulle tubature sono state sospese per consentire ulteriori scavi.

Le prime legioni romane raggiunsero la penisola iberica nel 218. I Romani allora dominarono l’area fino all’inizio del v secolo, quando furono scacciati dai Visigoti.

“L’intera area del Bajo Guadalquivir è molto ricca di resti archeologici. Non si deve dimenticare che, durante l’Impero Romano, questa zona era una regione molto potente dal punto di vista economico e produttivo. Aveva ville e la città di Italica era accanto… “, ha detto la Navarro.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login