Donna e orgasmo: anche l’anatomia conta

Filed under Lifestyle, Salute

Molte donne non raggiungono l’orgasmo. Ad incidere su questa difficoltà non sono solo le ragioni psicologiche o patologiche, ma anche quelle organiche della peculiare conformazione anatomica di ciascuna.

Secondo uno studio americano, ci sono delle ragioni fisiche che spiegano perché alcune donne raggiungono l’orgasmo più facilmente delle altre.

Un team di medici e i ricercatori dell’Università dell’Indiana, negli Stati Uniti, ha dimostrato che l’anatomia ha un impatto sull’avere o meno un orgasmo.

I ricercatori della Mayo Clinic hanno fatto uno studio pubblicato nella rivista medica ‘Clinical Anatomy’, indicando in particolare che la posizione del clitoride inciderebbe sulla probabilità di raggiungere il piacere.

L’80% delle donne ha difficoltà ad avere un orgasmo, contro il 20% degli uomini.

I ricercatori di fronte a questa realtà avevano detto che forse le esperienze sessuali sono relative al proprio modo di essere: se si ha fiducia in se stessi, se si è in grado di fidarsi dell’altro, se si è di mentalità aperta.

Elizabeth Emhardt si è però chiesta se l’orgasmo potesse dipendere dall’anatomia, prima di effettuare una meta-analisi di alcuni studi di anatomia e neuroanatomia in uomini e donne.

Secondo i risultati del suo studio, gli uomini che hanno difficoltà a raggiungere l’orgasmo hanno problemi di equilibrio tra il sistema nervoso simpatico e il sistema nervoso parasimpatico. Questo squilibrio è legato a disturbi innati o a circostanze esterne.

Per quanto riguarda le donne, invece, i risultati della ricerca hanno dimostrato che l’orgasmo è più facile per quelle il cui clitoride si trova in prossimità della parete vaginale.

Anche alcune posizioni sessuali farebbero raggiungere l’orgasmo più facilmente. Gli scienziati hanno anche trovato un “perfetto angolo di penetrazione”, che sarebbe tra i 30 e i 40 °.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login