Nuovo video di Boko Haram sulle studentesse rapite a Chibok

Filed under Esteri, Notizie

Due anni dopo il rapimento di 276 studentesse di scuola superiore a Chibok, in Nigeria, il gruppo islamico Boko Haram ha inviato mercoledì, un video, in cui appaiono circa quindici ragazze che indossano un hijab nero.

E’ una “prova che sono in vita”, ha riferito mercoledì il canale americano CNN, spiegando che il video è stato registrato il 25 dicembre.

Le quindici ragazze sono state identificate dalle madri o dalle compagne di classe tra le 219 studentesse mancanti dal 14 aprile 2014.

Due anni fa, 276 studentesse erano state rapite a Chibok, la notte del 13-14 aprile 2014, dagli islamisti di Boko Haram, 57 di loro erano riuscite a fuggire.

Contro il rapimento delle ragazze aveva preso posizione anche Michelle Obama. Barack farà di tutto per liberare le ragazze rapite, aveva detto la firts lady Usa.

Da parte sua, Malala Yousafzai, la ragazza pachistana sopravvissuta ad un attacco dei talebani e sempre in prima fila nella difesa del diritto all’istruzione per le ragazze, aveva detto: “Non dobbiamo rimanere in silenzio”, perché, altrimenti, potrebbe succedere “ancora e ancora”.

Boko Haram vuole impedire che le ragazze frequentino la scuola. Lo stesso nome Boko Haram significa l'”educazione occidentale è un peccato”.

Negli Stati di Borno, Yobe e Kano, tra il 2009 e il 2015, i terroristi hanno distrutto più di 910 scuole, spesso bruciandole, e hanno costretto alla chiusura altre 1.500 strutture.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login