UA-72767483-1

Creato il genoma JCVI-Syn 3.0, la vita artificiale fa passi avanti

Filed under In evidenza, Scienza

La vita artificiale o sintetica è possibile e gli studi su di essa avanzano. Questa settimana sulla rivista Science è apparso uno studio fatto da un gruppo di ricercatori guidati dall’americano Craig Venter sulla creazione in laboratorio di un microrganismo che ha il genoma più piccolo mai registrato, cioè, con il minor numero di geni necessari in un organismo per sopravvivere e riprodursi.

Il microbo ha un genoma costituito da 473 geni, in un contesto in cui l’essere umano ha più di 20.000 geni.

Chiamato JCVI-Syn 3.0, il genoma è il risultato di una ricerca cominciata 20 anni fa.

“L’unico modo per rispondere alle domande fondamentali sulla la vita era quello di creare un genoma minimo e l’unico modo per farlo era crearlo artificialmente in laboratorio”, ha detto Venter in una conferenza stampa.

“È un passo importante verso la creazione di una cellula vivente, dove il genoma è completamente definito”, ha detto il biologo Chris Voigt, del Massachusetts Institute of technology a Cambridge.

Tuttavia, gli esperti dicono che è ancora una lunga strada da percorrere in questa ricerca.

Con la pubblicazione di questa ricerca, Venter ha aggiornato la propria scoperta del 2010, quando aveva creato la prima cellula sintetica batterica capace di automoltiplicarsi.

Così, è stato dimostrato che un computer potrebbe progettare un genoma, che poi si potrebbe costruire chimicamente in laboratorio, per essere trapiantato.

Con questa scoperta, si è aperta per la prima volta la possibilità di creare eventualmente una specie artificiale, con tutti gli oneri di ordine etico che questo comporterebbe.

You must be logged in to post a comment Login