UA-72767483-1

Generare elettricità con gli scarti dei pomodori

Filed under In evidenza, Scienza

Alcuni ricercatori negli Stati Uniti dicono che è possibile generare elettricità dai pomodori non adatti per la vendita.

Un progetto pilota basato su una cella di combustibile biologico, utilizza i rifiuti di questi frutti nelle colture della Florida.

Il team di Namita Shrestha e Venkataramana Gadhamshetty, del Dakota del sud, negli Stati Uniti, ha scoperto che i pomodori decomposti e danneggiati possono essere una fonte di energia particolarmente potente se utilizzata in una cella elettrochimica microbica.

I pomodori sono un prodotto essenziale nello stato americano della Florida e la nuova tecnologia potrebbe essere pratica e importante lì, come in ogni villaggio agricolo, di altre parti del mondo, in cui ci sono molte coltivazioni.

Nel caso dell’America del sud, più di 396 mila tonnellate di rifiuti di pomodori vengono generati ogni anno, ma manca un buon sistema per il loro riutilizzo.

“Le celle elettrochimiche microbiche possono avvantaggiarsi dei rifiuti per generare elettricità. A tal fine, utilizzerebbero dei batteri per decomporre e ossidare le sostanze organiche dei pomodori inadatti per l’industria alimentare”, ha spiegato Gadhamshetty.

Il processo di ossidazione, innescato dai microorganismi che interagiscono con i rifiuti vegetali, libera elettroni che vengono catturati nella cella a combustibile e diventano una fonte di alimentazione.

I ricercatori hanno trovato che il licopene, il pigmento dei pomodori, è un eccellente mediatore per promuovere la generazione di carichi elettrici da frutta danneggiata.

“Il processo aiuta anche a purificare i rifiuti solidi dai pomodori e le acque di scarico associate”, ha detto Shrestha.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login