UA-72767483-1

Anche i momenti di gioia possono danneggiare il cuore

Filed under Lifestyle, Salute

Lo stress emotivo che provoca dolori al petto e mancanza di respiro può verificarsi anche nei momenti di gioia, oltre che nei momenti di rabbia, dolore e paura, secondo un nuovo studio svizzero.

Tre quarti dei casi dei casi di ‘cuore spezzato’ (tako-tsubo o cardiomiopatia da stress) che possono essere fatali, sono causati dallo stress, secondo uno studio fatto nell’Ospedale universitario di Zurigo e pubblicato nell’European Heart Journal.

Circa uno su 20 casi è causato dalla gioia, dice lo studio fatto su 1.750 pazienti.

I ricercatori hanno scoperto che i problemi cardiaci possono essere causati, ad esempio, da una festa di compleanno, dal matrimonio di un figlio, dall’incontrare un amico dopo 50 anni, dalla vincita della squadra di rugby preferita.
Lo studio ha anche suggerito che la maggior parte dei casi si presentano nelle donne in post-menopausa.

La dottoressa elena Ghadri, uno dei ricercatori, ha dichiarato: “Abbiamo dimostrato che la sindrome del ‘cuore spezzato’ può essere più varia di quanto si pensasse.

“I medici dovrebbero essere consapevoli di questo e anche considerare che i pazienti che arrivano in pronto soccorso con i segni di un attacco di cuore, come dolore toracico e affanno, anche dopo un lieto evento o un’emozione, potrebbero essere affetti dalla sindrome del ‘cuore spezzato’ tanto quanto un paziente che si presenta dopo un evento emotivo negativo.

Altre ricerche sono necessarie per capire come tali eventi emotivi possano innescare un danno cardiaco temporaneo in alcuni soggetti sensibili, dicono i ricercatori.

La sindrome tako-tsubo chiamata anche cardiomiopatia da stress o sindrome del cuore infranto è una disfunzione del ventricolo sinistro, di solito transitoria, che si manifesta con sintomi che possono simulare una sindrome coronarica acuta: dolore toracico, dispnea, alterazioni elettrocardiografiche e alterazioni degli enzimi di necrosi.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login